Ritirare contante, pagare bollettini e ticket e usufruire di servizi digitali in farmacia: ora è possibile con Farmacash

Condividi su facebook
Condividi su twitter

PERUGIA – La farmacia, punto di riferimento capillare su tutto il territorio regionale, diventa anche luogo di erogazione di servizio Atm, grazie all’innovativo sistema Farmacash.

Sviluppato da Innovacash, è un rivoluzionario ecosistema di servizi che consente ai cittadini, tra le altre cose, di ritirare contante, usufruire di strumenti di pagamento per bollettini e ticket, ed anche di poter sottoscrivere servizi digitali in ambito assicurativo e bancario. Gli apparecchi saranno collocati, probabilmente dal prossimo febbraio, presso le farmacie private del territorio, a partire dalle zone rurali.

In Italia sono 2800 i comuni privi di bancomat e questo nuovo servizio va a colmare una carenza di sportelli bancari molto sentita anche in Umbria.

Per questo, è stato siglato, nei giorni scorsi, un protocollo d’intesa fra Innovacash (start-up controllata dall’azienda umbra Farma Service Centro Italia), Anci Umbria e Federsanità Anci Umbria, con l’obiettivo di diffondere nei territori la conoscenza del dispositivo Farmacash.

“Alla base dell’accordo – è stato detto dai firmatari dell’accordo – la volontà di contrastare e sopperire al problema della chiusura di filiali bancarie e di sportelli automatici di prelievo. Una questione sempre più d’attualità anche in Umbria, terra a vocazione prettamente rurale, dove specialmente nelle piccole realtà, l’argomento è al centro di un dibattito ancora più intenso, di cui Anci Umbria e Federsanità Umbria si sono fatte carico. Motivo per cui una sinergia tra farmacie e Comuni può servire a sviluppare nuove vie per giungere a una soluzione del problema”

Nel frattempo, Anci Umbria ha avviato una rilevazione tra i suoi associati rispetto al problema della chiusura degli sportelli bancari, e anche della riduzione degli orari degli uffici postali, in particolare nelle aree interne della regione, mettendo al corrente della delicata situazione anche parlamentari umbri, Regione Umbria, Anci ed altri soggetti istituzionali e non.

Naighi

Articoli correlati

Commenti