Stasera “Roma Caput Disco” con Fiorello, Jovanotti, Roberto D’agostino e Pino Insegno

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Per la nostra rubrica Da vedere in tv segnaliamo stasera, 18 gennaio alle ore 22,55 su Rai 5 il film “Roma Caput Disco”, regia di Corrado Rizza con FiorelloJovanottiRoberto D’Agostino e Pino Insegno (voce narrante).
La pellicola è il punto di arrivo di un lavoro iniziato nel 2010 e si ispira al libro “I Love The Nightlife” dei due dj romani Corrado Rizza e Marco Trani. Dopo la scomparsa del dj Marco Trani nel 2013, Corrado Rizza ha lasciato il lavoro nel cassetto per tanto tempo, per completarlo oggi. Il docufilm racconta la nascita delle discoteche a Roma e l’evoluzione della professione del disc jockey, che oggi ha raggiunto la sua massima visibilità mediatica consacrando alcuni dj a livello di vere e proprie pop star.
Dalla metà degli anni ’60, in piena Dolce Vita Felliniana, dopo l’apertura del mitico Piper Club, in Via Tagliamento, la città di Roma è diventata la capitale indiscussa del divertimento italiano. Negli anni ’70 aprono discoteche leggendarie come il Jackie O, il Mais ed il Much More e club gay, come lìAlibi e l’Easy Going. I favolosi anni ’80 sono stati invece gli anni dell’Histeria e del Gilda, ma anche di molti altri club indimenticabili, come l’Open Gate e le Stelle. Il documentario narra anche che alcuni artisti italiani, oggi famosi in vari settori, hanno iniziato la loro carriera, facendo proprio il disc Jockey come Renzo Arbore, Roberto D’Agostino, Jovanotti e Fiorello. Attraverso interviste esclusive, filmati vintage, spezzoni di film e foto rarissime, il documentario mostra una Roma glamour capace di reggere il confronto con città come New York, Parigi e Londra. Quelli sono stati gli anni in cui Roma è stata invasa dalle star dello spettacolo, ma anche dai personaggi della politica e del Jet Set internazionale, vivendo così una sua seconda Dolce Vita, che purtroppo è svanita dopo l’avvento dell’inchiesta giudiziaria Mani Pulite, che ha cambiato lo scenario del nostro paese agli inizi degli anni 90. 

Articoli correlati

Commenti