Premiato il progetto SOLIB dell’Università degli Atudi di Perugia per il monitoraggio e la manutenzione dei ponti autostradali

Condividi su facebook
Condividi su twitter

PERUGIA – Il progetto SOLIB – Software for LIfe-cycle costing of Bridges, coordinato dalla Professoressa Ilaria Venanzi, del Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale (DICA) dell’Università degli Studi di Perugia, è risultato fra i vincitori del concorso per idee progettuali innovative promosso da Argo Innovation Lab, il programma di MOVYON e ELIS Innovation Hub creato con l’obiettivo di generare opportunità di ricerca e sviluppo tra MOVYON (gruppo Autostrade per l’Italia) e le migliori eccellenze del sistema della ricerca italiano.

Il progetto SOLIB consentirà la realizzazione di un software di analisi del costo di ciclo di vita dei ponti stradali equipaggiati con sistemi di monitoraggio strumentale, così da assicurare la gestione ottimale delle risorse economiche da investire per il controllo e la manutenzione dei ponti medesimi.

La professoressa Ilaria Venanzi

La proposta progettuale dell’Ateneo perugino è uno dei 6 progetti selezionati per il finanziamento tra gli oltre 50 presentati, a livello nazionale, da Università e centri di Ricerca di eccellenza. Argo Innovation hub, infatti, stimola centri di ricerca, spin-off universitari, startup e ricercatori di confrontarsi e proporre soluzioni innovative da applicare alle infrastrutture gestite da Autostrade per l’Italia.

Il progetto SOLIB, coordinato dalla Professoressa Venanzi, vede anche il coinvolgimento del Prof. Filippo Ubertini e di altri ricercatori del DICA attivi nell’ambito delle ricerche del Consorzio Interuniversitario Fabre, consorzio il cui obiettivo è la valutazione del rischio e il monitoraggio dei ponti della rete autostradale italiana.

Articoli correlati

Commenti