Variante di Maratta a Terni: “Preservare l’area archeologica”

TERNI – “L’area archeologica di Maratta è di grande importanza storica e culturale e un domani potrà costituire anche un elemento attrattivo in chiave turistica, per questo va preservata. Esprimo dunque tutta la mia contrarietà – dichiara il capogruppo di Terni Civica Michele Rossi –  per come è attualmente strutturata la variante urbanistica in questi giorni all’esame della commissione consigliare e della stessa assemblea di Palazzo Spada.
E’ intollerabile, infatti, che la nuova viabilità a servizio della vasta area commerciale – una rotonda, un parcheggio e un tratto stradale –  vada ad interessare la zona sotto vincolo archeologico e per alcuni tratti addirittura l’area archeologica vera e propria.
Realizzando parcheggi e percorsi stradali di raccordo con la Marattana si rischia così di compiere danni irreparabili e di limitare fortemente ogni percorso di estensione dell’area archeologica visitabile e della sua valorizzazione. La questione va approfondita e occorre individuare soluzioni alternative.
Esprimo, invece, soddisfazione in quanto l’atto amministrativo è stato integrato con la mia richiesta di coinvolgere in maniera preventiva la Sovrintendenza archeologica  nelle fasi di edificazione dei capannoni adibiti a spazi commerciali. Una presenza significativa, in quanto se si dovessero riscontrare nelle opere di fondazione ulteriori tratti dell’insediamento preistorico di Maratta,  la Sovrintendenza potrà intervenire immediatamente preservando eventuali ritrovamenti”.
“Sono da sempre – conclude Michele Rossi – molto dubbioso sulla necessità di nuovi spazi commerciali che finiscono sempre per impoverire il centro commerciale cittadino, sono al contrario determinato a difendere la nostra storia e le sue testimonianze, in quanto elementi fondanti della comunità ternana e fonti di sviluppo per la nuova dimensione turistico e attrattiva di Terni”.

Articoli correlati

Commenti

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com