Il Comune di Avigliano Umbro sigla il Patto per la lettura per la crescita individuale e lo sviluppo civile

AVIGLIANO UMBRO – L’amministrazione comunale, come altri comuni del territorio, ha approvato il Patto per la lettura, promosso da Mibac e Miur ed attuato nell’ambito del piano regionale della Regione Umbria insieme alle scuole e alle istituzioni sanitarie. Il Patto, di durata triennale, stabilisce il riconoscimento della fondamentale importanza del libro e della lettura per lo sviluppo dell’individuo e della società, come sancito dalla Legge 15/2020. Sempre il Patto individua nella lettura una risorsa strategica su cui investire e un valore sociale da sostenere attraverso un’azione coordinata, convergente e congiunta tra i diversi soggetti presenti sul territorio.

Gli obiettivi del Patto sono diffondere l’abitudine alla lettura come strumento per la crescita individuale e lo sviluppo civile, sociale ed economico del territorio. Favorire l’aumento del numero dei lettori valorizzando l’immagine sociale del libro e della lettura nel quadro delle pratiche di consumo culturale. Promuovere la lettura come determinante di salute in quanto favorisce il benessere dell’individuo e della Comunità nel suo complesso. Promuovere la lettura precoce in famiglia, in quanto favorisce lo sviluppo cognitivo del bambino e rafforza la relazione genitore-figlio, attraverso il coinvolgimento delle reti territoriali per la lettura “Nati per Leggere Umbria” e dei servizi sanitari e sociali delle reti regionali della salute materno-infantile e della promozione della salute. Riconoscere il diritto di leggere come fondamentale per tutti i cittadini.

Promuovere interventi mirati per specifiche fasce di lettori e per i territori con più alto tasso di povertà educativa e culturale, anche al fine di prevenire o di contrastare fenomeni di esclusione sociale. Rendere la lettura accessibile a tutti, in particolare alle persone con disabilità o con disturbi del linguaggio e dell’apprendimento e ai bambini con bisogni educativi speciali. Sostenere le biblioteche pubbliche quali leve per lo sviluppo locale in quanto garantiscono l’accesso libero alla conoscenza e favoriscono il potenziamento delle capacità dell’individuo lungo tutto l’arco della vita.

Promuovere la frequentazione delle biblioteche e delle librerie e la conoscenza della produzione editoriale umbra. Sostenere i progetti locali di promozione della lettura realizzati da soggetti pubblici e privati, anche in collaborazione fra loro, favorendone la diffusione nel territorio. Valorizzare, in un’ottica di continuità, il patrimonio di esperienze di reti e soggetti che già promuovono attivamente la lettura nel territorio.

Articoli correlati

Commenti

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com