Note di pace: raccolta fondi per i bambini ucraini che soffrono di diabete

Condividi su facebook
Condividi su twitter

PERUGIA – Inversione delle parti: il musicista Alessandro Deledda parla di sostanza, ovvero raccolta fondi, e l’amministratore della cosa pubblica assessore Leonardo Varasano di simboli, ovvero messaggi universali. Nulla di contraddittorio, piuttosto il segno di una compenetrazione totale in unico progetto che si chiama: Note di pace. Risuoneranno in un concerto benefico  domenica 22 maggio alle ore 21 al Teatro Morlacchi di Perugia a sostegno dei bambini ucraini che soffrono di patologie pediatriche e più in particolare di diabete infantile. Nelle giorni scorsi già ci sono stati due casi all’Ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia. Occorre dunque prepararsi adeguatamente per rispondere a esigenze di vite appese all’insulina.

Così, nella conferenza stampa di ieri a Palazzo della Penna, oltre alle notizie ci sono state tante sensazioni positive: parole dense per aiutare proprio loro, i bambini e difendere, per quel che si può ancora, il loro diritto al futuro. Nessuna demagogia ma tanta speranza, questo sì, che la giornata del Morlacchi possa essere un segnale che parte da 50 ragazzi giovanissimi, gli allievi della scuola Piano Solo, che suoneranno diversi generi musicali con brani che parlano di pace ogni esibizione verrà accompagnata da un video di Andrea Maffei. Non solo. Con “Sulo pe’ parlà – La poetica di Pino Daniele”  l’attore Enzo Decaro e il chitarrista Antonio Onorato che di Pino Daniele è stato collaboratore, parleranno del senso della pace che il cantautore napoletano ha messo nelle sue canzoni. Ci saranno anche Paolo Micheli & Silvio D’Alessandro, il primo magistrato e presidente della sezione penale Corte d’Appello di Perugia, l’altro psichiatra, uniti in un momento di narrativa e canzone d’autore inedita. A condurre la serata sarà Stefano Pozzovivo, speaker di Radio Subasio.

Il referente finale di tutta l’iniziativa è l’Associazione Bambini e Giovani con Diabete che è nata 40 anni fa. Lz , come ha detto la presidente Angela Lepri “Faremo  la nostra parte ha detto la presidente Angela Lepri – volgendo l’attenzione ai bambini coinvolti in una guerra tremenda e associando a loro la pace e la musica, cosa che ci salvano dal degrado”. “Grazie a questa iniziativa – ha aggiunto il direttore della clinica pediatrica Alberto Verrotti – avremo l’opportunità di usare i fondi raccolti e in base alle esigenze che si verificheranno”. C’era anche una rappresentanza degli imprenditori che si sono fatti promotori dell’iniziativa.

“Anche oggi – ha affermato Dimitrios Batalogiannis per Dmix International, la prima delle aziende che si sono mobilitate per organizzare l’evento – è stato bombardato un ospedale con ragazzi disabili in Ucraina. Gli effetti della guerra sui bambini malati sono devastanti. Questa situazione mi ha colpito fortemente e quindi insieme con altri imprenditori locali abbiamo pensato di fare qualcosa. La disponibilità della Scuola Piano Solo e del suo direttore è stata poi determinante per farci ritrovare insieme e per riscoprire un autentico senso di umanità”. Ha esaltato il concetto di empatia Fabio Persichetti: “I bambini sono il nostro futuro e così anche a loro possiamo dare l’opportunità di potersi curare e di poter tornare ad inseguire i propri sogni”.

Nicola Modugno, direttore dell’ITS Umbria Academy ha spiegato: “La nostra accademia è pensata per dare un futuro ai giovani e quindi dopo l’invito ricevuto abbiamo aderito pensando che per offrire loro questo non sono necessari solo le competenze digitali e la conoscenza della tecnologia ma anche solidarietà e arte”. Per la serata è possibile acquistare i biglietti a 15 euro alla segreteria della Scuola (pomeriggio, ore 15-19, tel. 075 6976176), o tramite bonifico all’Iban IT 96T0 200803039000029418893 (causale “Donazione Note di Pace”) intestato ad AGD Umbria.

Articoli correlati

Commenti