Il Compasso d’Oro, in Umbria il prestigioso premio per il design con Stefano Chiocchini: il nostro focus

PERUGIA – Quando il pensiero creativo genera start up di successo e tecnologie rivoluzionarie, è possibile persino portare l’orto nello spazio!

L’ingegno è quello dell’architetto umbro, Stefano Chiocchini, al quale è stato assegnato il prestigioso e ambito Nobel del Design, il Compasso d’Oro. Con la sua start up, in pochissimo tempo, ha cambiato il modo di coltivare, promuovendo una produzione biologica e, soprattutto, a elevato risparmio di acqua!
L’architetto Chiocchini, fondatore di Serranova, ha scoperto la tecnologia che poi ha migliorato, brevettato e integrato nelle sue speciali serre.

Tutto nasce, come racconta lo stesso Chiocchini, per caso, dal desiderio di costruire una lampada per bambini!

Una lampada, ovviamente, altamente innovativa, a base di speciali polveri luminescenti, ricavate da terre rare che assorbono la luce e poi la rilasciano nel tempo.

“Un giorno – racconta – il telo di silicone con inserite le polveri è stato appoggiato su una pianta, accelerando di molto la crescita della stessa”.

Incuriosito, ha approfondito l’accaduto, anche con la collaborazione di una facoltà di Agraria Italiana, realizzando che “dosando e utilizzando correttamente questo materiale su vetri e scaffali, qualsiasi fonte di luce viene convertita in uno spettro di frequenze compreso fra i 400 e i 700 nm, proprio quelle che attivano la fotosintesi.

All’interno delle serre, durante il giorno la fotoluminescenza viene stimolata dai raggi solari che penetrano dai vetri; quando cala il sole, vengono accesi i led che continuano a caricare le polveri che fanno crescere le piante fino a mezzanotte, con una fonte di energia che è equiparata al sole di mezzogiorno.

Il consumo è bassissimo: un decimo di quello che si ha in una serra tradizionale, sfruttando peraltro fonti rinnovabili.

Nelle serre, a prescindere dalla stagione, gli ortaggi crescono, seppur con un ciclo naturale, velocizzando l’assorbimento della luce, senza utilizzare chimica.
Un’insalata nella nostra serra cresce, in media, in 18-20 giorni invece dei 65-70 richiesti con metodi odierni, non sempre naturali”.
La fotoluminescenza indotta dalle terre rare consente, dunque, di attivare la fotosintesi in maniera veloce, economica e pulita.
All’interno della serra la diminuzione dei rischi di attacco alle piante da parassiti e malattie viene ottenuta “senza ricorrere ad antiparassitari ed evitando la difesa chimica mediante anche un innovativo sistema di attivazione di un fungo/microrganismo collocato nel vaso di coltivazione che riduce il rischio di attacco alla pianta da parte di batteri e un sistema di depurazione e di purificazione dell’aria che garantisce la salubrità della Serra da parte di pollini e sospensioni aeree!

E, ovviamente, l’umidità della serra viene raccolta e utilizzata per dare acqua alle piante!”.
La startup ha partecipato al Bootcamp di Assisi, dove ha ricevuto grandi apprezzamenti anche dal settore della ristorazione e dell’Horeca, che potrebbero beneficiare di un ottenimento degli ortaggi a km zero, praticamente in cucina.

Ma non mancano le mini serre per abitazione: SerraChef, un nuovo elettrodomestico di dimensioni contenute 60 x 120 x 200 cm. di altezza, dove è possibile coltivare di tutto, dai mini pomodori alle aromatiche, dai germogli ai fiori eduli, dallo zafferano ai peperoni e alle fragole.
Stefano Chiocchini architetto & designer
Nato a Perugia il 01/04/1962 e laureato in architettura a Firenze nel 1990, i suoi lavori spaziano dall’architettura all’interior design, dal progetto del verde e paesaggistico all’exhibit design, dall’industrial design alla grafica e comunicazione visiva, dall’allestimento museale allo studio di nuove applicazioni per la lavorazione di materiali naturali quali pietre e marmi.
Ha seguito e segue tutt’ora per diverse aziende la produzione di nuovi elementi di arredo, e si occupa per vari brand di ricerche su materiali innovativi.
Lo studio “Chiocchini&Partners” progettisti associati, si occupa di architettura a grande scala in Italia ed all’estero, nella sede di Perugia e in quella associata di Villafranca di Verona.
Suoi interventi sono presenti in molti paesi europei ed extraeuropei quali: Inghilterra, Germania, Francia, Belgio, Romania, Malta, USA, Egitto, Arabia Saudita, Emirati Arabi, Australia, Giappone, Cina, Russia.
Si dedica anche all’insegnamento e a conferenze come esperto nel campo dello stone design.
Socio fondatore della sezione ADI dell’Umbria ha partecipato per 3 anni come esperto di Exhibit design alla commissione di Milano per la selezione Finale del Compasso d’Oro, è stato Direttore dell’Istituto Italiano Design negli anni 2011 & 2012, dove ricopre attualmente la carica di Direttore Vicario e insegna Interior, Industrial e Landscape design.
E’ presidente di Serranova SRL, fondata a settembre 2019, azienda pluripremiata e vincitrice al Future Village del Flormart di Padova del premio come migliore start-up GREEN italiana e partecipante al CES di Las Vegas a gennaio 2020, vincitrice di Smart & Start e dell’Unicredit Start Lab nel 2021.
Tra i numerosi premi ricevuti il più recente è il Premio Compasso d’Oro 2022 per il design di SerraMidi & SerraMaxi.

Naighi

 

 

Naighi

Articoli correlati

Commenti

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com