fbpx
Avatar
Carlo Favetti

Nato a Ferentillo, ho pubblicato saggi d'arte, volumi di storia e libri di poesie. Ho collaborato con il Corriere dell'Umbria dal 1998 al 2010 e poi con il Il Giornale dell'Umbria. Nel 1993 ho fondato l'associazione culturale Alberico I Cybo Malaspina.

Itinerari: Vallo di Nera e la vicenda delle monache a Santa Caterina

VALLO DI NERA – Il centro storico di questo bellissimo borgo medievale annovera un luogo singolare ricco di storia e spiritualità, destinato, attraverso gli anni al degrado e al crollo, invece grazie alla politica intelligente degli amministratori, da qualche tempo, e’ stato recuperato e ritornato a svolgere la sua attività volta ad accresce i interesse

Torresani e Montereale ad Arrone connubio di arte

ARRONE – Ci siamo occupati di questo paese della Valnerina in diverse occasioni, parlando del Tamagni e di Giovanni da Spoleto, degli affreschi nell’abside di Santa Maria Assunta, oppure del Caravaggesco Galli (Spadarino) che nel dubbio ha realizzato la Cena di Emmaus su tela; gli affreschi di pittori abruzzesi presso San Giovanni al Castello.

Terni: al “Fiamma” di Orietta parata di Vip

TERNI – A Terni, in via Emo Battisti nel  centro della città, ”La Fiamma” in questi ultimi tempi e’ crocevia di VIP e personaggi dello spettacolo attratti dai sapori della tradizionale cucina umbro ternana di Orietta Ledderucci. Chi è Orietta?

Ecco l’edicola di San Rocco a Gabbio

FERENTILLO – Dopo aver ammirato la cappella detta Madonna delle Forche o di San Rocco a Vallo di Nera, ritorniamo nella Bassa Valnerina, esattamente a Ferentillo dove possiamo soffermarci su un altra edicola gemella, anche questa dedicata a San Rocco. Ma andiamo con ordine.

Caravaggio o Spadarino nella Cena di Emmaus? Arrone si interroga

ARRONE – In questi giorni su giornali locali va alla grande l’intuizione di attribuire addirittura alla mano di Michelangelo Merisi da Caravaggio la tela raffigurante la Cena di Emmaus situata sulla navata di destra della chiesa parrocchiale di Arrone. L’ intuizione e’ dell’ artista pittore autore di interessanti pubblicazioni professor Caponi.

L’ “Egregius” Jacobus Siculus alla Collegiata di Santa Maria a Matterella: Sant’Antonio Abate e la Madonna col Bambino

FERENTILLO – Entriamo nel quinto nicchione affrescato alla Collegiata di Santa Maria a Matterella e andiamo ad ammirare nel suo splendore Sant’Antonio Abate e la Madonna col Bambino opera del pittore Siciliano Giacomo Santoro da Giuliana detto Jacopo Siculo (1490 – Rieti 1544); a lui fu dato l’appellativo dal Leoncilli ”di Egregius”; cosa dire di

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!