Stifone cerca un punto d’equilibrio tra turismo d’assalto, preservazione dell’ambiente e vivibilità

TERNI – In un qualsiasi fine settimana estivo, si riversano nel borgo di Stifone numerosi turisti. Una massa spontanea che cerca un luogo dove rinfrescarsi, fare un pic-nic o un bagno gelido per trascorrere un po’ di tempo circondati dalla bellezza. Qui è naturalmente facile disintossicarsi dall’iper connessione, perché non c’è mai campo. Stifone è una sorta di bolla, ha un suo microclima, ci sono animali che hanno scelto di vivere solo da queste parti – come la rara farfalla africana e un tipo particolare di scricciolo – la sensazione predominante è quella di entrare in una capsula dove ogni cosa è molto slow.

Fin qui, nulla da ridire: è tutto molto bello. Nella realtà dei fatti, va considerato che Stifone è un borgo abitato stabilmente – da circa quaranta persone – e che l’esplosione del turismo inizia a presentare diverse criticità. Facendo una passeggiata, non si possono non notare rifiuti abbandonati che di certo non fanno piacere a nessuno – abitanti e turisti – nonostante i molti cestini a disposizione. C’è chi impone i propri gusti musicali all’intero abitato, in orari non sempre consoni e la mancanza di servizi – un punto informazioni, un ristoro, delle cabine dove potersi cambiare prima o dopo il bagno – non aiuta.

Il sito di Miami, è presidiato il sabato e la domenica da un vigilante e da quando – giustamente – Le Mole sono state chiuse alla balneazione, la massa turistica che interessa Stifone è incrementata. Gli abitanti in più occasioni hanno sollevato la questione dei parcheggi, in parte arginata grazie alla navetta che il Comune ha messo a disposizione. La “questione” Stifone esiste e appare sempre più urgente trovare il giusto equilibrio tra le esigenze dei residenti e quelle dei turisti, preservando al massimo le ricchezze di questo scrigno naturale.

Recentemente, Stifone è stato oggetto di uno studio volto allo sviluppo di un brand che si chiama “Stifone e le sue gole”. Ne abbiamo parlato con Filippo Andrea Rossi, referente del Comune di Narni per questo progetto.

 

 

Come nasce questo brand e come si inserisce nella promozione del borgo di Stifone?

Stifone a partire dal 2017-2018 è diventato virale e attrae una massa di turismo che abbiamo notato essere un turismo “mordi e fuggi”. Questo tipo di turismo a lungo può compromettere l’ecosistema bio-culturale del luogo. Perché non ci dobbiamo mai dimenticare che Stifone è un borgo abitato. Il brand è nato a dicembre 2021, quando abbiamo coinvolto un progettista che si occupa di sviluppo turistico. A marzo 2022 siamo arrivati a formalizzare una prima strategia di posizionamento con cui puntiamo a qualificare nel tempo il turismo verso Stifone. Qui si inserisce il brand che riguarda l’area che va dal Ponte di Augusto a Stifone e percorre tutta la pista ciclo perdonale. Quello che stiamo portando avanti è un ragionamento sistemico e sistematico lungo tre assi. Il primo riguarda il benessere olistico e include attività come la meditazione e la detossificazione digitale; il secondo è l’archeologia, della cultura materiale e come bene culturale e l’ultimo è l’attivismo ambientale verso la sostenibilità.

Quali sono le criticità che state riscontrando?

Stifone è interessato da un “turismo d’assalto”. Il progetto di sviluppo turistico in questo senso va visto nella prospettiva dei prossimi cinque, dieci anni. Questa è la prima estate, un presidio dove stiamo organizzando esperienze continuative. Stiamo lavorando sulla consapevolezza, perché Stifone non è un borgo abbandonato né va considerato come la piscina sotto casa. In questo senso, l’esperienza di pittura en-plein-air con l’artista Giulio Cesare Gabolini, ha interessato i luoghi più critici del borgo, come la spiaggetta a ridosso del ponte. Durante gli incontri, si è creata una vera bolla di silenzio, abbiamo notato che le persone istintivamente abbassavano la voce. Queste esperienze sono importanti presidi mobili di riappropriazione dello spazio.

Ci sono dei fondi destinati a Stifone?

Dopo la mancata aggiudicazione del PNRR, non ci siamo fermati. Il nostro obiettivo è motivare una comunità.

Come siete stati accolti dagli abitanti di Stifone?

La comunità si è divisa fra chi è entusiasta e chi, almeno in un primo momento, non era interessato al brand. Ci sono state persone che inizialmente erano sfavorevoli e che poi si sono convertite in strenue sostenitrici. Questo brand non è una cosa piovuta dall’alto, c’è dialogo con gli abitanti perché questa iniziativa è rivolta anzitutto alla comunità.

Il turismo verso Stifone come influisce sul flusso turistico di Narni in generale?

Influisce positivamente. Con Stifone abbiamo fatto una scelta interessante a livello strategico. Il “problema” Gole del Nera, si poteva anche risolvere con delle visite guidate ad esempio, ma noi stiamo cercando di costruire una visione diversa.

 

 

 

 

Articoli correlati

Commenti

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com