Tag: Umberto de Augustinis

Il Festival di Spoleto si chiude in piazza: “Viva Verdi!”

SPOLETO – Giuseppe Verdi attraversa l’Ottocento ricalcando il dramma risorgimentale e poi romantico del personaggio eroe, incisivo, e del discorso orchestrale schematico e immediato. Ieri sera a conclusione della 62° edizione del Festival dei Due Mondi di Spoleto, in piazza Duomo, è andato in scena il consueto concerto finale.

Il 2Mondi ha fatto boom d’incassi, artisti, gradimento e arriva anche Salvini

SPOLETO – “Speriamo di avervi ispirato”, apre così Giorgio Ferrara, direttore del Festival dei Due Mondi, questa mattina, 14 luglio,  in conferenza stampa al Caio Melisso di Spoleto, il consueto momento che vede organizzatori e giornalisti a confronto per tirare le somme sulla manifestazione artistica e musicale che verrà chiusa questa sera con il concerto

Spoleto Festival, concerto della Young Talents Orchestra a sostegno del Serafico 

SPOLETO – Un repertorio misto quello proposto ieri sera, 11 luglio, al Teatro Romano di Spoleto dalla Young Talents Orchestra EY diretta dal maestro Carlo Rizzari.  “Bisogna parlare di cose belle” ci sprona Tiziana Dell’Orto, segretario generale della Fondazione EY Italia Onlus, al cocktail di benvenuto poco prima del concerto.

2Mondi, terza conferenza stampa di Giorgio Ferrara: “Tutto bene a parte la pioggia”

SPOLETO –Il trend del Festival dei Due Mondi resta positivo. Spettacoli, eventi e mostre, sono stati accolti dal pubblico con forte apprezzamento, il direttore artistico Giorgio Ferrara supportato dalla voce del sindaco Umberto De Augustinis nella terza conferenza stampa avvenuta questo pomeriggio, mercoledì 10 luglio, alla Sala Pegasus non lascia adito a dubbi.

Quel Festival di Spoleto datato 1960

SPOLETO – Una settimana fa avevamo anticipato che la conferenza dedicata alla terza edizione del Festival dei Due Mondi, quella del 1960, che si è tenuta questa mattina, giovedì 27 giugno, all’Archivio di Stato di Spoleto “soggetto promotore culturale del territorio al pari di altri” come avrebbe poi detto il direttore dell’Archivio di Stato di