Cerca
Close this search box.

A Carsulae Teatro “Storia d’amore, di boschi e di follia” e “Su cantos de sas pedras”

TERNIVenerdì 25 agosto, alle 20.45 al Teatro romano di Carsulae, va in scena Storia d’amore, di boschi e di follia, dai testi di Dino Campana, Sibilla Aleramo e Sebastiano Vassalli, con Benedetta Bucellato, Riccardo Leonelli, Germano Rubbi (in copertina la locandina dello spettacolo).

Martedì 29 agosto, al Teatro romano ma alle 19.30, è la volta di Il canto delle pietre. Su cantos de sas pedras, con i Tazenda, gruppo storico e iconico della musica pop sarda, il danzatore e coreografo Afshin Varjavandi, gli attori Loretta Rossi Stuart, Blas Roca Rey ed altri.

GLI SPETTACOLI

Storia d’amore, di boschi e di follia (Bastiano, Sibilla e Dino)

La regia è di Riccardo Leonelli, adatta e intreccia liberamente brani tratti dai libri di Sebastiano Vassalli, tra i più importanti narratori italiani (scomparso nel 2015), dedicati al poeta Dino Campana, “La notte della cometa” e “Natale a Marradi”, brani selezionati e adattati di lettere dal carteggio Campana-Aleramo e poesie scelte dello stesso poeta, comprese nella raccolta “Canti orfici”, oltre a delle parti originali scritte dall’autore della sceneggiatura. Il plot, attraverso il racconto di Bastiano (Sebastiano Vassalli) dall’altrove in cui si trova dopo la morte, l’epistolario e i versi di cui sopra, rappresenta soprattutto i mesi turbolenti della relazione fra Dino e la Aleramo, tra il 1916 e il 1917, fino all’internamento definitivo del poeta nel manicomio di Castel Pulci nel 1918 e la sua morte lì dentro nel 1932. I personaggi sono tre: Bastiano (Sebastiano Vassalli), Dino Campana e Sibilla Aleramo che, compresenti sul palcoscenico, alternano l’interpretazione attoriale delle rispettive parti, dando vita così ad una partitura drammaturgica dinamica nello spazio-tempo.

Il canto delle pietre. Su cantos de sas pedras

Tazenda

XXXII Premio San Valentino. “Un gesto d’amore” è uno spettacolo che vuole gettare un ponte ideale tra i meravigliosi e ancestrali paesaggi della Sardegna e quelli dell’Umbria meridionale; un collegamento di odori, voci, suggestioni e riferimenti artistici tra le due terre. La voce narrante di un pastore-poeta-viaggiatore mentale collega e introduce, con le sue parole, vari momenti di performance letteraria, musicale, di danza con protagonisti di alto livello.

***********************

La rassegna è a cura del Comune di Terni, in collaborazione con la Direzione Regionale Musei Umbria e il Teatro Stabile dell’Umbria, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Terni e Narni. 

INFO: 0744 1804413 / 327 0933751 – www.comune.terni.it 

BIGLIETTI: intero: euro 12 + diritti di prevendita / ridotto under 18: euro 5 + diritti di prevendita. Prevendita: www.vivaticket.it 

 

 

Articoli correlati

Commenti

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com