Mense scolastiche: l'esempio di Corciano che sa organizzare, dialogare e "impiattare"

CORCIANO – Quella delle mense scolastiche è una questione che riguarda e interessa molti Oggi vi proponiamo l’esempio di Corciano che è riuscito a trovare e mettere a punto un sistema organizzativo che consente il dialogo diretto con i genitori degli alunni e chi mette nel piatto dei propri figli il cibo. Per defirne il grado di qualità basti dire che l‘Università degli studi di Perugia ha presentato al Terzo incontro nazionale Rete politiche locali del cibo che si è tenuto a Napoli, proprio questo progetto che è stato ritenuto  un  bell’esempio di valorizzazione delle risorse locali, capace di coniugare mensa, orto e dispensa solidale.
“L’idea di coinvolgere i genitori e di renderli protagonisti  – spiega l’assessore ai Servizi scolastici Sara Motti – nasce dal fatto che sono i loro bambini ad usare quotidianamente il servizio mensa e senza un loro parere il progetto non avrebbe un giusto fondamento”.  Filosofia ribadita nell’ultima riunione dei presidenti del comitato mensa che si è tenuta nei giorni scorsi alla presenza degli amministratori corcianesi e dei rappresentanti della Cooperativa “La Torre”. “Un incontro – prosegue l’assessore – come di consueto indetto per condividere le esperienze della refezione nelle nostre scuole, per capire se ci sono difficoltà e come superarle”. Dai pareri raccolti, il servizio offerto dalla cooperativa viene percepito come positivo, anche s inevitabilmente si può e si deve sempre pensare di poter migliorare, come ad esempio perseguire la sostituzione delle stoviglie in plastica con piatti compostabili. “Mi piace anche ricordare – dice ancora Motti – che ormai 80% dei prodotti che finiscono sulle tavole delle nostre scuole provengono dall’orto di ‘Corciano a mensa’ posizionato a Mantignana. Restano ancora fuori prodotti come la frutta, proveniente ancora da fornitori esterni all’orto ma sempre locali ed a Km0 nel rispetto della filiera corta. Ricordo ancora – conclude l’assessore – soprattutto ai genitori, dell’esistenza della piattaforma Gas (gruppo d’acquisto solidale) in cui gli iscritti possono trovare i prodotti del nostro orto”. La riunione è terminata con la nomina di Raffaella Murano, nuovo presidente generale che farà da referente per tutti i comitati. “

Articoli correlati

Commenti

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com