Oggi su Rai Uno a “Linea Verde” primo piano su Gubbio e Città di Castello

GUBBIO – Domenica 10 marzo, alle ore 12,20 Linea Verde su Rai l, racconterà l’Umbria più intima, quella che fa da corona a Gubbio. Alla puntata del 10 marzo, realizzata in convenzione con la Regione Umbria, seguiranno altre iniziative in trasmissioni Rai in varie fasce orarie.

I tre conduttori del programma andranno alla scoperta dei gioielli del territorio partendo da quelli agricoli raccontati da Peppone, per arrivare a quelli dell’anima umbra illustrati da Livio tra arte, segreti della terra e ricerca in viticoltura.

Nella Gola del Bottaccione che è una sorta di libro aperto sulla geologia, Livio trova la chiave della scomparsa dei dinosauri: l’iridio, un minerale rarissimo sul nostro pianeta ma abbondante negli asteroidi. Ma un altro pezzo di storia viene narrata da Livio che bussa alla bottega dell’ultimo erede dei ceramisti di Gualdo Tadino che praticavano una tecnica antichissima: la ceramica a lustro.

Oltre 800 metri di quota, Livio scopre lo spumante dell’Umbria: un progetto sperimentale di viticoltura per trasformare in opportunità di sviluppo la minaccia del cambiamento climatico.

Una storia lunga 700 anni e quella dell’Università degli Domini Originari di Costacciaro e la racconta Margherita che scopre come il Monte Cucco sia stato acquistato appunto sette secoli fa dai contadini che lo hanno sin qui tutelato e sviluppato custodendo alcuni gioielli della natura di inestimabile valore, come le grotte carsiche che si aprono quasi in vetta al monte e sono tra le più grandi d’Europa.

Ma un vero viaggio nel tempo e quello che si compie a Città di Castello. Qui, bussando al centro delle tradizioni popolari, Linea Verde viene accolta a casa dei contadini che dal ‘700 a oggi hanno coltivato queste terre e dove ancora si cuociono le tagliatelle nel paiolo.

Articoli correlati

Commenti

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com