Cerca
Close this search box.

Piegaro e Panicale: “Idrogeno verde da fonti rinnovabili nella vecchia centrale di Pietrafitta”

PIEGARO –  L’obiettivo dichiarato dalle amministrazioni comunali di Piegaro e Panicale è utilizzare i fondi del PNRR per produrre idrogeno verde da fonti rinnovabili nella vecchia centrale di Pietrafitta.

Questo da un lato per diminuire l’impatto che sull’ambiente ha la produzione della Vetreria Cooperativa Piegarese, dall’altro per spingere Enel a investire mettendo a disposizione la sua tecnologia e la sua capacità finanziaria.

Da qui la lettera aperta che, congiuntamente, i due Comuni hanno inviato per l’appunto ai due soggetti chiamati, a diverso titolo, in causa. Oltre a Enel Produzione S.p.a. e a Vetreria Cooperativa Piegarese, la missiva è stata fatta recapitare anche all’assessore regionale alle Politiche per la competitività e crescita del sistema economico/produttivo.

Nella lettera si evidenzia come il PNRR rappresenti concretamente un’occasione per attivare una forte sinergia tra pubblico e privato finalizzata a “investimenti oculati e gestiti assieme” per garantire all’economia locale “un grande salto di qualità”. Ciò in relazione ai possibili finanziamenti a fondo perduto per investimenti che consentirebbero di poter insediare nel comparto della vecchia centrale di Pietrafitta un progetto di produzione di idrogeno verde da fonti rinnovabili”.

Ecco il testo integrale della lettera.

***************

“Nonostante una lunga fase di stagnazione e la crisi pandemica, il lavoro fatto nel corso
dei mandati delle scriventi Amministrazioni sul comparto di Pietrafitta ha portato a importanti risultati: la questione ambientale è stata condotta a una completa e chiara definizione;
– le società partecipate (Valnestore Sviluppo s.r.l. e Consenergia Green) sono passate da una gravissima situazione debitoria quale quella che abbiamo trovato nel 2014 ad essere oggi libere da pignoramenti e da sequestri, generano risorse per il territorio e costituiscono una risorsa di grande potenziale per il nostro sviluppo; il Museo Paleontologico è passato dal rischio di chiusura alla nazionalizzazione e prossima riapertura e gestione da parte della Direzione Musei Umbria.
L’avvento del PNRR ha portato grandi risorse al territorio, risorse delle quali i nostri Comuni hanno largamente beneficiato partecipando e vedendosi assegnati numerosi bandi.
Le Amministrazioni comunali possono promuovere, rendere sistemica, facilitare, ma non possono sostituirsi alla libera iniziativa imprenditoriale che rimane nelle mani delle aziende private. Il PNRR è però anche un’occasione di forte sinergia tra pubblico e privato, grazie al quale investimenti oculati e gestiti assieme possono far fare alla nostra economia locale un grande salto di qualità. Proprio grazie al PNRR si prospetta l’occasione di unire le forze tra amministrazioni e imprenditoria locale. Sono infatti possibili finanziamenti a fondo perduto per investimenti che ci consentirebbero di poter insediare nel comparto della vecchia centrale di Pietrafitta un progetto di produzione di idrogeno verde da fonti rinnovabili.
Questo progetto avrebbe notevoli conseguenze positive e consentirebbe: alle amministrazioni di rimuovere i vecchi edifici fatiscenti grazie ai finanziamenti che la Regione Umbria e Invitalia hanno già messo a disposizione ma che possono essere attivati solo in presenza di una iniziativa imprenditoriale; a Vetreria Cooperativa Piegarese di poter introdurre l’idrogeno assieme al metano come combustibile diminuendo al contempo anche l’impronta ambientale degli impianti esistenti; a Enel di essere presente in un investimento che coinvolge la più importante realtà produttiva locale mettendo a disposizione la sua tecnologia e la sua capacità finanziaria.
Abbiamo deciso di scrivere questa lettera aperta perché un simile investimento, che per la sua importanza richiede una condivisione pubblica delle sue finalità, è però costretto dai tempi realizzativi imposti dal PNRR ed è assolutamente necessario procedere con celerità se non vogliamo che questa opportunità sfumi. Ribadiamo quindi la volontà della Amministrazioni di agevolare la realizzazione di un simile investimento, positivo sia per i privati che per la comunità anche in una dimensione etica dell’imprenditoria, proprio con la messa a disposizione di parte del compendio relativo alla vecchia centrale di Pietrafitta”.

 

Articoli correlati

Commenti

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com